Disturbi alimentari

  • Home
  • Disturbi alimentari
Psicologa a Roma
Dott.ssa Patrizia Mattioli

Disturbi alimentari

La caratteristica principale del comportamento alimentare disturbato è che esso è poco o per niente volontario e consapevole e poco o per niente legato a stimoli di fame e sazietà: il cibo rappresenta molto di più del mero valore nutritivo che apporta e viene usato piuttosto come attività compensatoria o di controllo.

il cibo può diventare veicolo di gestione di frustrazioni che derivano da altre aree, o diventare mezzo di delimitazione degli spazi reciproci all’interno delle relazioni familiari, a volte può rappresentare l’unico argomento di relazione tra genitore e figlio/a.

Nutrirsi troppo o troppo poco ha poi sul piano corporeo quelle conseguenze che vengono messe in rapporto con la possibilità/impossibilità di entrare in relazione con gli altri: amici, partner, con un’inversione totale dei rapporti di causa-effetto: “sono sovrappeso” o “non abbastanza magro per propormi agli altri”, “mi sento inadeguato”.

 

Dott.ssa Patrizia Mattioli

Psicologa Psicoterapeuta

Partita IVA 07087380585
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Lazio col n. 5623 dal 1993

Info
  • ilfattoquotidiano.it/blog/pmattioli/
2022 . «powered by Psicologi Italia ». E' severamente vietata la riproduzione delle pagine e dei contenuti di questo sito.